CZ.Magazine parla di #maisenza

Il brand di cui vado a parlare oggi  è @maisenza1 .
Nasce nel 2012 da un’ idea di Michele Leonardi (@mlmichele), precisamente a Forte dei Marmi, derivante dal forte potere dei social network(ciò lo dimostra il loro logo, ossia un hash tag) i quali fra il 2012 – 2014 hanno avuto il grande boom. Streetwear fin dalla nascita, ha deciso di puntare il suo core business sulla produzione di cappelli, nello specifico baseball snapback e Beanie.L’intera parte grafica e di stampa è affidata a Nicola Pedrazzi. (@nicoladavidepedrazzi )
Hanno uno shop monomarca proprio a Forte dei Marmi, e vantano più di 100 rivenditori a livello nazionale. Come distribuzione mediale si sono affidati ovviamente ad Instagram, main social negli ultimi anni, ed hanno anche un sito web, curato veramente bene, in cui sono elencati tutti i loro prodotti divisi per categorie.
I loro prodotti, in pochissimo tempo, hanno preso molto piede all’interno del mondo streetwear, ed hanno attirato l’attenzione di tanti personaggi pubblici, da calciatori a cantanti, passando per radiofonici. Qualche nome che ha indossato i loro capi: @mb459 , @emis_killa , @zoodi105official , @federicoscavo e molti altri.
Negli ultimi mesi, la vendita delle loro felpe e t-shirt logo sta crescendo notevolmente. Sono capi molto particolari, in particolare le t-shirt, le quali dimostrano tutta la fantasia di chi ci lavora per cercar di portare qualcosa di “fresco” all’interno di un mondo vastissimo.
Esprimendo un parere personale, è un brand che  vale tanto, i loro capi sono stra “ice”, e sicuramente potrà arrivare ad alti livelli. Consiglio vivamente di passare dal loro sito e Instagram per farvi un’idea.

Fonte @cz.magazine

Docker Beanie

“Il berretto docker era usato come copricapo per molti degli operai del porto negli anni ’30, mantenendo la testa calda e accogliente. Più tardi il cappello raggiunse una popolarità diffusa con molte delle sue varianti che fungevano da abito della US Navy.Un simile copricapo è stato indossato da Jean Reno in un film di successo del 1994 “Leon: The Professional” diretto da Luc Besson. Il berretto docker è perfetto per il lavoro all’aperto, il trekking o come elemento di abbigliamento Streetwear casual quotidiano.”

La lunghezza ridotta lo contraddistingue dagli altri nostri Beanie. Disponibile in 5 colorazioni differenti: Burgundy Melange, Navy Melange, Black Melange, Dove Grey Melange e Grey Melange.

http://www.mai-senza.com/maisenza/prodotto/fisherman-docker/

“The docker beanie was a regular attire for many of the port workers in the 30’s keeping their heads warm and cozy. Later on the cap reached widespread popularity with many of its variants serving as US Navy outfit.

A similar skullcap was worn by Jean Reno in a 1994 blockbuster movie ‘Leon: The Professional’ directed by Luc Besson.
The docker beanie is great for work in the outdoors, trekking or as an element of the everyday casual apparel.”