Docker Beanie

“Il berretto docker era usato come copricapo per molti degli operai del porto negli anni ’30, mantenendo la testa calda e accogliente. Più tardi il cappello raggiunse una popolarità diffusa con molte delle sue varianti che fungevano da abito della US Navy.Un simile copricapo è stato indossato da Jean Reno in un film di successo del 1994 “Leon: The Professional” diretto da Luc Besson. Il berretto docker è perfetto per il lavoro all’aperto, il trekking o come elemento di abbigliamento Streetwear casual quotidiano.”

La lunghezza ridotta lo contraddistingue dagli altri nostri Beanie. Disponibile in 5 colorazioni differenti: Burgundy Melange, Navy Melange, Black Melange, Dove Grey Melange e Grey Melange.

http://www.mai-senza.com/maisenza/prodotto/fisherman-docker/

“The docker beanie was a regular attire for many of the port workers in the 30’s keeping their heads warm and cozy. Later on the cap reached widespread popularity with many of its variants serving as US Navy outfit.

A similar skullcap was worn by Jean Reno in a 1994 blockbuster movie ‘Leon: The Professional’ directed by Luc Besson.
The docker beanie is great for work in the outdoors, trekking or as an element of the everyday casual apparel.”

#PeopleforMaisenza Campaign

Mai Senza DAY

Come avrete visto su Instagram e Facebook abbiamo avviato una campagna di Pubblicità per le felpe con il nuovo Design #maisenza. 

Infatti le porte del Maisenza Headquarter si apriranno  a tutte le persone che con un amici/figli/fidanzati voranno fare uno scatto spensierato scegliendo il colore della propria Felpa stampata al momento.

Sabato 9 Novembre ci sarà il Maisenza Day, dalla mattina alla sera tutti potranno venire nel nostro Loft e ricevere il proprio scatto. Inoltre sarà possibile visionare tutti i prodotti della nuova collezione e ricevere uno SPECIAL PRICE per la partecipazione al evento.

Dalle ore 19 organizzeremo un aperitivo accompagnato dal Sound di DJ FRENGO. 

Vi aspettiamo numerosi

TEAM #maisenza

 

 

 

King RUSTO

King Rusto
Attivo come writer dalla prima metà degli anni ’90, conosce una straordinaria notorietà  internazionale  tra la metà e la fine degli anni 2000, grazie alla sua capacità di reinterpretare lo stile newyorkese in chiave attuale sulle fiancate dei treni italiani, pubblicati sui più importanti blog e riviste di settore. Dopo un periodo lontano dalle scene, King Rusto è tornato a stupire i suoi followers (più di 56k  su Instagram) con la trasposizione su tela e carta delle sue creazioni. I suoi dipinti sono puro lettering, un tributo alla tradizione dei pionieri americani ed all’arte dell’evoluzione della lettera.
Working as a writer since the first half of the 90s, he knows an extraordinary international fame between the middle and the end of the 2000s. Thanks to his ability in reinterpreting the New York style, in a modern key, on Italian trains’ sides, his work finds place in the most important blogs and magazines. After a period away from writing scene, King Rusto came back to amaze his followers (more than 56K  on Instagram) with the transposition on canvas and paper of his creations. His paintings are pure lettering: a tribute to the tradition of American pioneers and to the evolution of lettering.

REFLECTOR #beanie

• REFLECTOR • 📸
Questo Beanie nasce con voglia di novità.
È una chicca non per tutti!
Nasce in 4 colori
-black
-bordeaux
-yellow
-Blue
A breve dovrebbe uscire anche la versione sul grigio!
Con un semplice Click il cappello trova nuovi colori, infatti il flash va in contrasto con alcuni filamenti e il cappello sembra che inizi a brillare!!! #maisenza®
Potete trovarli nei nostri rivenditori o direttamente sul nostro sito
Www.mai-senza.com

Vi presentiamo @graficobianco

Come anticipato nei nostri Social il 2018 è iniziato con un nuovo progetto con vari artisti/fotografi/videomaker/ grafici di tutta Italia.

Ognuno di loro collabora alla collezione SUMMER 2018 con pezzi unici realizzati in esclusiva per #maisenza.

Oggi presentiamo la prima Grafica: Wanda Mereu in arte “Grafico Bianco” nasce Milano nel 1988.
Dopo la maturità artistica, ha conseguito il diploma in grafica alla scuola Arte & Messaggio del Castello Sforzesco.
Nel 2008 ha ottenuto il Premio speciale “Siropietro Quaroni” del 6 Concorso Internazionale d’Arte Grafiche.
La sua ricerca artistica parte da basi tradizionali, attraversa lo stile illustrativo e trova la sua massima espressione nelle tecniche digitali.
Il linguaggio è semplice, il filo conduttore sono le emozioni.
Instagram: @graficobianco ✏️

•Relationship•
Facciamo un gioco?
Ci fidanziamo?

 

 

•Affitasi• 🖤🖤🖤
“Cuore nero, spazioso, cerca relazione colorata per affitto a tempo indeterminato.”

 

•Cuori stesi• “Quando il cuore fa male deve fare un giro in lavatrice a 40°, i calzini gli spiegheranno come sopravvivere nonostante si venga separati.
steso al sole. il triste cuore, si asciugherà le ferite.”

 

 

#Maisenza Toscana Basket Live

“Ci siamo! È online la nostra campagna di crowdfunding #maisenza Toscanabasketlive  (l’indirizzo completo è https://www.derev.com/maisenzatoscanabasketlive): una raccolta fondi lunga due mesi per continuare la nostra attività, ripartendo con maggiore slancio la prossima stagione.

Non abbiamo editori di riferimento né finanziatori più o meno occulti: #siamoquesti per riprendere un hashtag che torna di moda in questi giorni di Preolimpico. Ci rivolgiamo a tutti: società, giocatori, arbitri, tifosi, amici e semplici appassionati Come vi avevamo preannunciato, l’asticella non è bassa, ma insieme possiamo saltarla: si tratta di raccogliere 20mila euro in 60 giorni, con la modalità “All or nothing”. Se la cifra viene raggiunta ottimo, se la superiamo siamo ancora più contenti, se invece non arriviamo al fatidico obiettivo la corsa di Toscanabasketlive finisce, ma ogni singolo contributo  vi sarà riaccreditato. Se, come pensiamo, riusciamo a tagliare il traguardo, “ringraziamenti” per tutti: con braccialetti e magliette di ‪#‎maisenza‬ che ha deciso di essere insieme a Toscanbasketlive per questa campagna di autofinanziamento.”
Questa realtà, un po’ come la nostra, è nata grazie al grande impegno delle persone che credono ancora nelle loro passioni.
Noi chiediamo a nostra volta a tutti i nostri amici, appassionati e non, di informarsi su questa piccola realtà che ormai non è più cosi piccola e contribuire al mantenimento.
#MAISENZA TOSCANABASKETLIVE

Mai senza: una startup legata all’hashtag

Firenze 27 Aprile 2016 – In primo luogo sognatori, che si mettono in gioco seguendo la” cultura del rischio”, senza mai perdere di vista il proprio obbiettivo, questo è l’identikit della generazione startupper. Giovani che ci provano, che rischiano, anziché rimanere con il dubbio di non averci provato. Un progetto ben preparato, un business plan concreto e una piccola base economica d’inizio sono le caratteristiche principali di questa nuova generazione. La parola “Startup”, termine ormai in uso da qualche anno, s’identifica come l’operazione e il periodo durante il quale s’avvia un’impresa. Una parola comune anche a Manuel Ferrari e Michele Leonardi, due amici di 25 e 34 anni, che mediante valori quali amicizia, stima, fiducia hanno costruito quasi come un regalo del destino la loro “startup”, chiamata “Mai Senza”. Un nome difficile da dimenticare, quello del brand, nato da un’idea che si è evoluta nei campi da gioco di uno sport come il Basket. Si, perché entrambi i due ragazzi, giocatori e compagni di squadra con la stessa passione e impegno per lo sport praticato , hanno creato questa realtà circa tre anni fa, da un semplice concetto come l’hashtag. Il cappellino che fino a quel momento nella loro concezione mentale era legato al loro sport, ai rapper e a alcune tipologie di persone, era stato scelto come oggetto lancio della Startup. Fantasie, colori accompagnati da una ricerca dell’eccellenza, sono i punti salienti del brand, con circa 180 punti vendita all’attivo della distribuzione, e il primo monomarca aperto in questa primavera a Forte Dei Marmi. Oggi, Mai Senza, è un brand sempre più in espansione, dove al suo interno ogni persona ha una propria mansione, ad esempio Eleonora Bertolutti, stilista del brand, con una formazione del “fashion System” di tutto rispetto, che è stata il punto di evoluzione aziendale, grazie al quale il brand ha potuto ampliare la propria gamma di prodotti. Ricordano ancora Michele e Manuel, il loro primo cappellino, un articolo semplice monocolore che oggi, si è evoluto, grazie anche ad Eleonora e a collaborazioni con artisti in molteplici modi. Ad esempio la recente collaborazione con Thomas Marchini, giovane artista massese, studente in architettura, che grazie alle influenze del nonno scultore e la madre pittrice nel 2014 inizia interamente a dedicarsi grazie alla creazione di un coworking, all’arte. Un linguaggio artistico-comunicativo che unito alle conoscenze digitali e a un incontro regalato dal destino, inizia la collaborazione con Mai Senza, assecondando la sua natura che lo porta a comunicare immagini. Presenti in varie manifestazioni ed eventi, tra cui il recentissimo Lucca Tattoo Convention, Mai Senza, cerca sempre di investire nella comunicazione e nelle collaborazioni ad esempio con Kasa dei Colori e Cover Store Italia. Un lavoro delicato e meticoloso, far crescere oggi una Startup in un Italia dove il lavoro fisso non esiste quasi più, ma è grazie a persone come Manuel e Michele che i sogni non cesseranno mai di esistere, e siamo sicuri che di strada ne faranno ancora tanta insieme questi due amici dal sorriso e l’ironia contagiosa.

di Cristiano Gassani.

www.ilMinuto.it